AI e Pmi, c’è consulente virtuale – Hi-tech


(ANSA) – ROMA, 25 SET – L’intelligenza artificiale può aprire
porte nuove alle imprese italiane, in alcuni casi la sua
applicazione può portare risparmi e “incrementi di produttività
fino all’80%”. Per permettere alle aziende di valutare la
propria maturità nell’adozione di questa nuova tecnologia c’è
uno strumento gratuito nato dalla collaborazione tra Google e la
School of Management del Politecnico di Milano. Si chiama
Machine Learning Checkup, ed è una sorta di consulente virtuale
a cui le Pmi possono chiedere assistenza online compilando un
questionario. E possono anche accedere alla consulenza dedicata
di Unioncamere – attraverso i Punti Impresa Digitale delle
Camere di Commercio sul territorio – e agli incentivi del
Ministero dello Sviluppo Economico.
   
Una ricerca della School of Management del Politecnico di
Milano ha individuato i settori a maggiore potenziale di
adozione dell’Intelligenza Artificiale in Italia:
agroalimentare, tessile, arredamento, metal-siderurgico e
metalmeccanico. Per questi settori ci sono 65 applicazioni e 230
diverse possibilità applicative di questa tecnologia. Sono
concentrate principalmente sulle aree di analisi predittiva e
riconoscimento delle immagini e dei suoni. Per alcune
applicazioni, come l’agricoltura di precisione, la ricerca ha
evidenziato come esistano potenzialità di risparmio fino all’80%
nei costi e nell’utilizzo dei fattori produttivi.
Il Machine Learning Checkup è disponibile sul sito
www.leconomiadellintelligenza.it. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA