Algoritmo smaschera testi fatti da AI – Software e App


(ANSA) – ROMA, 31 LUG – Per scoprire se un testo è stato
scritto da un’intelligenza artificiale, il modo migliore è
usarne un’altra. Lo affermano gli esperti del Mit e della
Harvard University, che hanno descritto sul sito ArXiv un
algoritmo che può essere usato per identificare documenti e post
‘fake’. Il programma, chiamato Giant Language Model Test Room
(Glmtr), sfrutta il fatto che i generatori di testo basati
sull’intelligenza artificiale usano modelli statistici per
‘scrivere’. “In altre parole – spiegano gli autori – il nostro
algoritmo può dire se le parole che si stanno leggendo sono
troppo prevedibili per essere state scritte da una mano umana”.
   
Per svilupparlo, gli esperti sono partiti dall’algoritmo messo a
punto da Open Ai, il gruppo di ricercatori fondato tra gli altri
da Elon Musk, che qualche mese fa aveva deciso di non divulgare
il programma per il timore che venisse usato per produrre
‘fake’. Glmtr è stato in grado nei test di scoprire la
prevedibilità dell’algoritmo di Musk. In un ulteriore test, un
gruppo di studenti, che aveva identificato solo la metà dei
testi prodotti da Open Ai, con l’aiuto di Glmtr è riuscito a
scoprirne il 72%.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA