Bankitalia: banche esposte a spread – Ultima Ora


(ANSA) – ROMA, 3 MAG – Lo spread fra Btp e Bund, sebbene sia
sceso rispetto al picco di novembre, resta “più alto rispetto ad
aprile del 2018” e le banche italiane “sono vulnerabili a
evoluzioni avverse del mercato dei titoli pubblici, anche
se l’impatto sul patrimonio delle variazioni dei corsi è
inferiore rispetto al passato”. E’ quanto afferma la Banca
d’Italia nel rapporto sulla stabilità finanziaria secondo cui
“un aumento di 100 punti base della curva dei rendimenti dei
determinerebbe un calo dell’indice di patrimonio Cet1 di circa
40 punti base, 10 in meno rispetto a giugno. E “Prosegue a ritmi
sostenuti lo smobilizzo dei crediti deteriorati” delle banche e
nella seconda metà del 2018 ne sono stati ceduti 35 miliardi,
portando il totale dell’anno a 55 miliardi. A fine anno i
deteriorati netti erano 90 miliardi e il rapporto con il totale
dei prestiti era sceso al 4,3 per cento al netto delle
rettifiche. Il rapporto stima che diminuirebbe al 3,9 per cento
entro la fine del 2019 e al 3,1 nel 2021.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA