Capossela, il Medioevo dei giorni nostri – Ultima Ora


(ANSA) – ROMA, 16 MAG – La violenza e il saccheggio della
natura; la tecnologia imperante che ha stravolto le nostre vite;
la religione e il fanatismo tra senso del sacro e del profano;
la disperazione della condizione umana. Raccontando un Medioevo
immaginifico, che è meno lontano di quanto possa sembrare,
popolato di uomini e di bestie poste quasi sullo stesso piano,
Vinicio Capossela con il suo amore per il grottesco e per il
racconto popolare posa il suo sguardo sull’attualità nel nuovo
album, Ballate per uomini e bestie, in uscita il 17 maggio (La
Cùpa/Warner Music).
“E’ un cantico per le creature – racconta il cantautore – e
in quanto tale è compassionevole, è un andare oltre il sé, per
accorgersi che ci sono anche altre creature oltre gli uomini. Un
disco molto caritatevole, ma per esserlo bisogna guardare con
onestà alla propria condizione e vederla nella sua nudità.
   
Vedere quanto l’uomo è incapace di applicare la buona novella”.
   
Nell’album, anticipato da Il Povero Cristo, 14 brani in forma di
ballata.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA