Dalla carta a Internet, in un click millenni di invenzioni – Internet e Social


Dai primi utensili in pietra fino alla carta, dal motore a vapore a Internet fino ai viaggi nello spazio, le invenzioni hanno permesso di dare forma alla nostra società. Google, con la sua piattaforma Arts & Culture, le celebra in una mostra online insieme a inventori, scienziati e visionari che le hanno pensate. Il progetto si chiama ‘Tutto inizia da una idea’ ed è stato realizzato con il contributo di oltre 110 istituzioni di 23 paesi del mondo. In un solo click si possono esplorare millenni di progresso: “con 350 mostre interattive questo è il progetto online più ampio mai realizzato dedicato alle invenzioni e alle scoperte”, spiega Google.

Sono 10 i partner italiani che fanno parte del progetto. Dai grandi musei scientifici, come il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci e il Museo Galileo, passando per il Sistema Museale dell’Università degli Studi di Palermo – Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi e il Museo Leonardiano di Vinci. E ci sono istituzioni come la Fondazione Olivetti e la Fondazione Bracco. Sono raccolte storie dei pionieri italiani come Camillo Olivetti, fondatore dell’impresa che il figlio Adriano ha consegnato alla storia; o come quella di Guglielmo Marconi, padre della radio, o di personaggi come Galileo Galilei e Virginio Schiaparelli che hanno reimmaginato lo spazio. E non manca il racconto delle grandi imprese, storiche e contemporanee, dal trasporto del Sottomarino Enrico Toti all’invenzione per proteggere l’ambiente in caso di sversamenti petroliferi progettata da Saipem.

L’iniziativa comprende anche l’app a realtà aumentata che riguarda il ‘Big Bang’, sviluppata dal Cern di Ginevra insieme a Google Arts & Culture. La voce dell’attrice Tilda Swinson guida alla scoperta della formazione delle primissime stelle, mentre il pianeta Terra prendere forma nel palmo della mano grazie a questa tecnologia. Usando il ‘machine learning’, l’apprendimento automatico di Google, si possono poi utilizzare anche gli archivi della Nasa, che hanno 127mila immagini storiche, grazie allo strumento ‘NASA & Visual Universe’.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA