Difesa Casamassima, c’è intimidazione – Ultima Ora


(ANSA) – ROMA, 15 MAG – “Nessuna sostanza stupefacente è stata
trovata nella casa di Riccardo Casamassima o della sua compagna.
   
La perquisizione domiciliare del 2014 ebbe esito negativo.
   
Questo rinvio a giudizio è un attacco strategico e
un’intimidazione per screditare Casamassima, teste chiave al
processo Cucchi”. Così Serena Gasperini, l’avvocato del
carabiniere che ha contribuito a far riaprire il caso Cucchi con
le sue dichiarazione sul pestaggio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA