‘Johnson tenuto all’oscuro dei dati 007’ – Ultima Ora


(ANSA) – ROMA, 4 LUG – Quando era ministro degli Esteri Boris
Johnson non aveva libero accesso alle informazioni
dell’intelligence britannica per preciso volere di Downing
Street. Lo rivela la Bbc precisando che la decisione fu presa
dalla premier Theresa May che dubitava della capacità di Johnson
di mantenere riservati i dati sensibili.
Fonti vicine al candidato alla premiership hanno smentito
categoricamente la notizia della Bbc sottolineando che l’allora
ministro degli Esteri aveva accesso “a tutto ciò che aveva
bisogno di sapere”. E lui stesso ha bollato la faccenda come
“falsa”. Il suo rivale Jeremy Hunt, attuale ministro degli
Esteri, si è invece rifiutato di commentare elogiando i servizi
segreti britannici come “i migliori al mondo”. ‘No comment’
anche da un portavoce di Downing Street che si è limitato a dire
che May si fidava di Johnson. Tuttavia, secondo la Bbc, i dubbi
della premier sulla capacità di Johnson di mantenere un segreto
risalgono ai tempi in cui lei era ministro degli Interni e lui
sindaco di Londra.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA