Rapinoe non canta l’inno, l’ira di Trump – Ultima Ora


(ANSA) – WASHINGTON, 26 GIU – Intervento a gamba tesa di
Donald Trump nei mondiali di calcio femminile: il presidente
americano ha infatti criticato per non aver cantato l’inno
nazionale Usa Megan Rapinoe, una delle star della nazionale
statunitense che e’ la favorita del torneo.
   
“Non penso che il suo atteggiamento sia appropriato”, ha
detto il presidente nel corso di un’intervista, spiegando come
il fatto che la campionessa prima della partita con la Spagna
non abbia cantato The Star-Spangled Banner, come mostrano le
immagini, lo abbiano disturbato.
   
Del resto Rapinoe, 33 anni, al suo terzo campionato del mondo
e apertamente gay non ha mai nascosto la sua opposizione alla
Casa Bianca di Trump, definendosi una “walking protest” in
difesa dei diritti e contro le diseguaglianze. Ed e’ stata
proprio lei ad inginocchiarsi durante l’inno, come molti
campioni del football americano, prima di alcune partite della
sua squadra dei Seattle Reign.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA