Russiagate: Facebook rimuove oltre 2600 profili – Internet e Social


Dopo il Russiagate, Facebook intensifica gli sforzi contro la disinformazione e i profili fake. Il social network ha rimosso oltre 2600 pagine, ritenute non autentiche e legate a Russia ma anche all’Iran, alla Macedonia e al Kosovo. La maggior parte di queste pagine sono state bannate per attività di spam legato a contenuti politici. La rimozione è avvenuta anche su Instagram.

La maggior parte degli account rimossi – spiega Facebook in un post ufficiale – sono collegati alla Russia, si tratta di oltre 1.900 pagine, gruppi e account collegati tra loro, di cui una parte ha pubblicato contenuti relativi a problemi politici e conflitti in Ucraina. Oltre agli account collegati alla Russia, il social network ha annunciato di aver rimosso 513 pagine, gruppi e account collegati all’Iran. Alcuni di questi si fingevano media , le storie condivise erano incentrate sulle tensioni tra India e Pakistan, ma anche Israele e Palestina, Siria e Yemen, la crisi in Venezuela e il terrorismo.

Secondo Facebook, questa attività era ampiamente diffusa in Medio Oriente e Nord Africa. Infine, la piattaforma ha reso noto di aver rimosso oltre 200 pagine, gruppi e account collegati a Macedonia e Kosovo che hanno condiviso notizie sulle celebrità ma anche pagine che si presentavano come gruppi politici in Stati Uniti, Regno Unito e Australia.

Dopo le polemiche sulle elezioni presidenziali Usa, nel 2018 Facebook ha iniziato a combattere la disinformazione proveniente da pagine, account e gruppi che si sono impegnati in un “comportamento non autentico e coordinato”. “Lavoriamo costantemente per rilevare e interrompere questo tipo di attività perché non vogliamo che i nostri servizi vengano utilizzati per manipolare le persone. E’ una sfida continua”, sottolinea Nathaniel Gleicher, capo della Cybersecurity Policy di Facebook. 
   




https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/tecnologia_rss.xml